Krumiri di riso e quinoa

foto krumiri
Foto Daniele Canonici

Krumiri di riso e quinoa.
Il piacevole ricordo legato alle colazioni dell’infanzia, mi ha ispirato la ricetta per la variante ai classici Krumiri.
Ciò che rende caratteristici questi biscotti è la farina di riso e quella di quinoa, a sostituzione di quella di grano.
Il risultato si fa apprezzare per un alto grado di friabilità e per il gusto piacevolmente delicato.

Grado di difficoltà:

  • semplice

Tempo di preparazione:

  • 30 minuti per la preparazione
  • 8 – 12 minuti

Ingredienti per circa 100 biscotti:

  • gr 305 di burro di alta qualità
  • gr 340 di zucchero a velo
  • gr 30 di miele di castagno
  • nr 1 uova medie
  • nr 1 tuorlo
  • gr 200 di latte intero fresco
  • gr 500 di farina di riso
  • gr 370 di farina di quinoa
  • gr 8 di lievito
  • gr 3 di sale

Attrezzatura:

  • planetaria con montato la frusta (oppure fruste elettriche)
  • spatola
  • pistola per biscotti o sac à poche con bocchetta rigata

Procedimento:

Nella planetaria, o con le fruste elettriche, lavorate il burro morbido con lo zucchero a velo ed il miele fino ad ottenere una pomata.
Mescolate l’uovo, il tuorlo e il sale al latte freddo e unite al burro lavorato.
Setacciate le farine con il lievito.
Unitele quindi al composto di burro e uova. Mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo.
Con l’apposita pistola per biscotti formate i krumiri che lascerete riposare in frigorifero per qualche minuto.
Preriscaldate il forno a 180 °C.
Cuocete i biscotti per 8-12 minuti (a seconda della dimensione).
Non mi resta che auguravi buon the e buon appetito.

Piccoli segreti:

  • le quantità della ricetta sono piuttosto abbondanti per cui potete congelare parte dell’impasto per utilizzarlo in un secondo momento.
  • chi non ha la pistola per biscotti può usare una sac à poche con bocchetta rigata (come ho fatto io). In questo cado dovete però armarvi di tanta pazienza perché non è facilissimo dare la forma dei krumiri ai biscotti.
  • la farina di quinoa ha un sapore molto forte e presente, leggermente terroso, per cui potete, se volete, sostituirla in parte o del tutto con farina di riso.

Con questa ricetta partecipo al contest È buono? È senza! nella categoria “Pasticceria fine e pasticceria da the” del blog Andante con gusto e di Cose dell’altro pane.

Banner contest "è senza? è buono!"

One Comment

  1. Ecco, se non avessi postato queste meraviglie, mi sarei molto offesa.
    Ti ho inserito nella categoria richiesta e ti ringrazio davvero di cuore perché sono splendidi e molto originali. In bocca a lupo davvero e un a braccio.
    Pat

Rispondi a Patty Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *